L’Abbandono

Testo critico

 

L’Abbandono – questi giorni derivano da quei giorni

Questo percorso fotografico nasce dalla possibilità e dalla necessità di accingere ad un “archivio” personale fatto di pensieri e di oggetti. L’azione di ricercare degli elementi ben precisi per poi abbandonarli in luoghi comuni, serve a rivedere e a ricreare nuovi legami con il proprio vissuto e con i luoghi del mio quotidiano, che dopo la mia azione, divengono custodi delle mie memorie. Questo procedere, ha portato alla perdita di alcuni oggetti personali, ma allo stesso tempo tramite la documentazione video e fotografica, ha ricreato e rigenerato il mio “archivio”. L’atto di cancellare si è trasformato nell’atto di sottolineare, riportando inizialmente tutto ad una dimensione più “presente” per poi sciamare nuovamente alla dimensione del “passato”, dell’archivio.

 

 

 

 

 

Copyright © 2011 Samuele Bianchi - Tutti i diritti sulle immagini ed i testi sono riservati